Pubblicato il 23/06/2009 | da Fabio Cesali

Gli strumenti del marketing digitale si caratterizzano per la misurabilità non solo del ROI, ma di una lunga serie di parametri utili all'affinamento dell'offerta ed allo sviluppo di nuovi investimenti.

L'elemento che caratterizza maggiormente gli investimenti pubblicitari online è senza dubbio la misurabilità di un gran numero di parametri, ivi compreso il fondamentale ROI, ossia il ritorno generato dall'investimento. In tempi di crisi dei consumi gli investimenti pubblicitari diventano più oculati, in un'ottica di risparmio e ottimizzazione delle risorse, e questo aspetto giustifica il maggior interesse delle aziende verso gli strumenti del marketing digitale, che dalla prospettiva degli e-marketer rappresenta una ghiotta opportunità per new business o cross/up selling. Per essere tale, un investimento deve generare dei guadagni, altrimenti resta una spesa voluttuaria inutile ed anzi dannosa per l'economia aziendale. Gli strumenti del marketing digitale consentono non solo di misurare l'effettiva efficacia delle campagne, quantificando in modo puntuale il ritorno generato dall'investimento, ma anche di ottenere precise indicazioni sulle preferenze dei clienti, sui prodotti che maggiormente li interessano, sui tassi di conversione generati dai diversi tipi di approccio comunicazionale, sugli strumenti utilizzati da chi si accinge all'acquisto di un prodotto o servizio e così via. Queste poche considerazioni consentono già di tracciare alcune regole utili a scegliere la compagnia di servizi marketing online. I servizi di marketing digitale (SEO, SEM, email marketing etc etc) devono sempre essere accompagnati da dettagliati sistemi di reportistica personalizzati sugli obiettivi dell'investitore. I report devono offrire indicazioni puntuali sulla campagna: contatti generati, provenienza, lead, conversioni ed ogni altro aspetto legato al funzionamento dell'operazione. I dati devono poter essere consultati con facilità ed essere corredati da spiegazioni esaurienti che ne illustrino natura e valore. E' importante concordare a monte degli indicatori di performance (KPI), che variano in base a caratteristiche e finalità della campagna di comunicazione, così come è fondamentale che i dati relativi alle diverse campagne siano facilmente confrontabili, per un più immediato apprezzamento comparativo dei risultati ottenuti. Soprattutto per coloro che hanno poco tempo a disposizione, è utile concordare un breve rapporto da inviare con una cadenza prestabilita, variabile in funzione delle reali esigenze: tale rapporto consentirà di concentrarsi solo sui parametri più significativi,appositamente evidenziati nel rapporto. La misurabilità delle campagne di comunicazione online resta troppo spesso sulla carta, perché capita sovente che le aziende si avvicinino a questi nuovi strumenti di business portandosi dietro abitudini e costumi maturati con i media tradizionali, per la felicità di impostori e finti professionisti del settore. E' invece necessario pretendere resoconti esaurienti, che consentano non solo di apprezzare l'utilità concreta dell'investimento, ma anche di svilupparlo nella giusta direzione, evitando sprechi e massimizzando i profitti.

Autore della pubblicazione: Fabio Cesali Fonte: http://www.comunicati-stampa.net/com/cs-62904/